13. I Doni del Ghiaccio

“La fortezza di pietra aveva un’altezza che superava di oltre cento metri la cima più alta della catena montuosa. La torre principale era larga circa trenta metri con una sezione ovale, la parte più stretta era orientata in direzione nord-sud. In alto la torre si divideva in quattro torri più piccole a sezione circolare, con…

12. L’Ultimo Re

Un Re che vive nel caldo e rigoglioso sud non è un uomo ma solo un bambino cresciuto nella debolezza che il troppo cibo e il sole rovente hanno marchiato come inadeguato al Nord

11.Risonanze

Estrasse la spada dal fodero e la conficcò nel terreno per qualche centimetro, poi si piegò sul ginocchio destro e a mani strette sull’elsa, poggiò la fronte sul pomo chiudendo gli occhi. Subito alla mente vennero le parole del suo giuramento. La preghiera dei momenti bui dei ramighi del Dio del fulmine.

“La tua fedeltà ti sarà scudo e corazza;
non temerai i terrori della notte
né la freccia che vola di giorno…”

10. Perdite

Il Lord emerse alla luce del focolare. Aveva l’elmo sotto il braccio, dal cappuccio si vedeva solamente la cicatrice che da sotto l’occhio destro segnava lo zigomo con un tratto verticale. Il mantello pulsava incessantemente e questo, come ben sapeva Kroosh, non era assolutamente buon segno.

9: Presentazioni

La mano artigliata si avventò sul collo del prigioniero appeso al soffitto e un rumore di ossa rotte pose fine alla sua richiesta di pietà.

8. Rivelazioni

Di nuovo chiuse gli occhi chiudendo il mondo fuori da se per attingere alla sua sorgente arcana. La vedeva con la propria mente, era al centro del suo petto come una piccolissima fiamma che ardeva di luce rossastra. La fiamma lanciò una piccola scintilla dello stesso colore che gli portò alla lingua le parole che aveva in mente dall’inizio della cripta.
<>

7. Liberazioni

S ò l a s

La pietra brillò di luce bianca, la pose in un incavo nella lancia corta che imbracciava e tese la punta per illuminare la zona. Delle sbarre chiudevano l’entrata ad un altro cubicolo. Dietro a terra c’erano due uomini visibilmente provati e vestiti con pochi stracci ricavati da abiti funerari.

6. Prigionie

Afferrò il lacero mantello rosso e se lo getto sulle spalle. Aveva l’odore di morte e sangue e non era ideale per il freddo pomeriggio inoltrato della vallata ma gli sarebbe servito solo per poco, solo fino a quando non avesse trovato il colpevole e avesse fatto la giustizia che il suo Dio gli imponeva di portare tra i mortali.

5. Assalti

Dietro di loro scorsero il Ghoul percepito precedentemente. Un cadavere completamente glabro, con la pelle violacea causata dal sangue coagulato, gli occhi infossati senza palpebre e una fila di denti affilati senza la copertura delle labbra che era venuta meno, mangiata dallo stesso non-morto nella sua sete di carne vivente. Il Ghoul alla vista dei suoi assalitori emise degli schiocchi con la lingua. Subito gli scheletri serrarono le fila tra loro producendo una linea di difesa con gli scudi a protezione e le spade lunghe protese sopra di essi.

4. Ricerche

“Concentrati, trovalo!”
Il paladino chiuse gli occhi e attinse al potere che il suo Dio della Giustizia gli donava. Come percepiva il male nel cuore delle persone poteva scorgere intorno a sè il potere oscuro che rialzava i corpi dei morti e donava loro quella innaturale nuova vita.

3. Alleanze

“Stavate aspettando… me?”

“Beh aspettavo un paladino e siete piombato qui durante un temporale, è il destino. Non credete?

L’oste ruppe il silenzio.
“un brindisi a Turgul che da domani ci libererà i campi da quelle orrende creature contro natura! Turgul! Turgul! Turgul!”

2. Conoscenze

All’arrivo del paladino la pioggia si fece più intensa. Qualche tuono in lontananza si faceva sentire preannunciando un acquazzone che prometteva di inondare i vicoli.

E’ lui, mi sta benedendo

<>